La costa dei Gelsomini : Gerace a ridosso della costa ionica reggina , Comune della Regione Calabria in Provincia di Reggio Calabria , foto e informazioni.
  Logo Tropea.biz Tropea .biz
Calabria e Isole Eolie

Gerace in Calabria.

Calabria Vacanze Home | Itinerari | Vacanze | Eventi | Foto e Video | Mappe e Meteo
Sei in Tropea .biz > Itinerari in Calabria > Gerace  
Condividi su: Bookmark and Share    
 

Escursione a Gerace in Provincia di Reggio Calabria.

Itinerario Locri - Gerace | Locri | Gerace | Vendita Prodotti Tipici Calabresi |
Tropea .biz in collaborazione con AdV Capo Vaticano Travel propone un'escursione a Locri e a Gerace per l'intera giornata, in bus GT.
Itinerario:
Locri-Gerace; Durata: 9 ore; Difficoltà: media; Interesse: storico-culturale; Guida italiana: Schiariti Pasquale; Guida multilingua (Tedesco - Inglese - Spagnolo: disponibile su richiesta;
Programma itinerario "Locri - Gerace": partenza ore 7:30 da Zambrone (bivio), ore 7:35 da Parghelia, ore 7:40 da Tropea, ore 7:35 da Santa Domenica di Ricadi; ore 7:50 da Torre Marino - Torre Ruffa; ore 7:55 da Capo Vaticano; ore 8:15 Coccorino - Joppolo; ore 8:30 Marina di Nicotera; arrivo a Locri e visita alla zona archeologica della famosissima colonia greca "Locri Epizephiri" fondata del VIII sec. a.C.
Tempo a disposizione per il pranzo che potrà essere consumato all'aperto oppure in ristorante (facoltativo). Proseguimento per Gerace, cittadina di epoca normanna con un centro storico tra i più preziosi della Calabria. Di particolare interesse il castello del XII sec., l'imponente cattedrale a tre navate, la chiesa di S. Francesco del 1252.. Alle ore 17:00 partenza per il rientro ai vari centri e villaggi turistici.

Possibilità di escursione personalizzata per gruppi da 25/50 persone, direttamente dalle strutture.
Per maggiori informazioni e prezzi:
[email protected] - Tel: 0963.665153 - 0963.667805
Arte, Cultura, Eventi, Musei e Monumenti a Gerace:


Cattedrale di GeraceItinerario a Gerace.

Gerace è un piccolo borgo medievale della provincia di Reggio Calabria inserito all'interno del Parco Nazionale dell'Aspromonte; costruita nel VII-VIII sec. dagli abitanti dell’antica polis magnogreca di Locri Epizephiri, che cercavano un rifugio contro le incursioni dei saraceni, deve il suo nome forse proprio al sito scelto: jerà akis, "vetta sacra", o, secondo altri, Aghia (Santa) Ciriaca, nome utilizzato dai Bizantini per indicare la rupe.

La Città era circondata anticamente da solide mura turrite, di cui restano tuttora tracce, che ne delimitavano l’accesso, chiudendola in una sorta di fortezza alla quale si accedeva tramite delle porte. Gli spazi che si aprivano erano destinati a varie funzioni: piazza del Tocco rappresentante la Curia Civilis, antica sede del Parlamento locale costituito da rappresentanti della nobiltà, della borghesia e dei “mastri”; e piazza Tribuna, che anticipa l’ingresso alla cittadella  vescovile, la Curia Episcopalis. Il prospetto principale delle costruzioni nobiliari, che si affaccia di solito sulle arterie principali e sulle piazze della Città, è caratterizzato da maestosi portali in pietra lavorata da scalpellini locali sui quali è inciso lo stemma del casato.


Chiese, monumenti, zone da visitare a Gerace in Calabria.

Interno Cattedrale di GeraceDa San Nicola del Cofino, antico ninfeo magno greco trasformato dai monaci basiliani in laura bizantina, si raggiunge piazza delle Tre Chiese: la duecentesca San Francesco, con il grande altare policromo di età barocca, la semplice chiesetta bizantina di San Giovannello, variamente datata al X-XI secolo e l’Oratorio del Sacro Cuore, riedificato dopo il terremoto del 1783. Si giunge quindi a piazza Tribuna, ov’è l’ingresso alla Cattedrale attraverso la cripta; il duomo, costruito dai normanni tra la fine dell’XI e l’inizio del XII secolo, ha sul retro due absidi turrite, rifatte nel XV secolo; nel 1669, sull’abside centrale fu aperto l’accesso alla cripta, e su quest’ingresso, ora occupato da un portale baroccheggiante del 1829, fu costruita una tribunetta perché da lì il vescovo potesse impartire le benedizioni ai suoi fedeli. Il corpo longitudinale della chiesa è diviso in tre navate da due file di archi, sostenuti da venti colonne tutte diverse tra loro, trafugate in epoca normanna dai templi locresi.
Accanto al presbiterio, nel 1431, è stata realizzata dai conti Caracciolo, allora feudatari di Gerace, la Cappella del Santissimo Sacramento, che, rivestita nel XVII secolo di marmi locali, custodisce ancora oggi il tabernacolo donato da Ferdinando Consalvo Cordova, Marchese di Gerace. L’altare maggiore, cesellato in marmi policromi, fu eseguito ad opera dei fratelli Palazzotto da Catania e Antonio Amato da Messina nel 1731, durante l’episcopato di Idelfonso del Tufo. Raggiungibile tanto da una scala interna, quanto Il Vecchio Castello di Gerace in Calabria.dall’ingresso di Piazza tribuna, la Cripta della Cattedrale nasconde un corpo frazionato in vari ambienti, distribuiti intorno ad un sistema di volte sostenute da ventisei colonne tutte diverse.
Un elegante cancello in ferro battuto chiude il Sacello dell’Itria, icona medievale perduta, rivestito da marmi policromi e decorato con finissime ornamentazioni raffiguranti le litanie della Vergine; la statua della Madonna della Stella, recuperata nel 1976 da un’edicola di Prestarona, si trova attualmente sull’altare della Cappella al posto dell’antica icona della Madonna dell’Itria. Nella cripta è ora allestita la sala degli Argenti della Cattedrale: ricchissimo è il busto di S. Veneranda, patrona di Gerace, che custodisce il cranio della martire.
Scendendo per via Zaleuco, si susseguono il Palazzo dell’Abate Elia, oggi Delfino, con le sue bifore catalane, e l’imponente struttura di Palazzo Candida. Prima di arrivare a piazza del Tocco, con una piccola deviazione, si può ammirare il portale dello scultore Lucifero, con la sua particolare simbologia. Tornando a piazza delChiesa di Gerace Tocco, ci si ritrova nel “salotto di Gerace” di fronte ai palazzi di alcune tra le più nobili famiglie della città: Migliaccio, Macrì oggi Zangara, Calceopulo, ed infine palazzo Grimaldi Serra, attualmente sede del Municipio. Scendendo verso la porta del Sole, sulla sinistra non passa indifferente palazzo Trombì, con il particolare di un puttino che calpesta la faccia di un diavolo. Giungendo in piazza della Repubblica, è possibile visitare la Chiesa di Santa Maria del Mastro, antica sede protopapale, fondata nel 1084, dietro la quale c’è palazzo De Balzo, al quale è legata la leggenda di un tesoro nascosto sorvegliato dal fantasma di un moro.

Ingresso Cattedrale: € 1,50 (prezzo riservato ai gruppi)

Altre informazioni sull'escursione Locri - Gerace in Calabria:
Itinerario Locri - Gerace | Locri | Gerace | Vendita Prodotti Tipici Calabresi |
 
Tr
opea .biz
è una iniziativa privata, nessun ente locale, provinciale e regionale ha mai contribuito alla realizzazione di questo sito web.  Per segnalare aggiunte,  correzioni o per un contributo: [email protected]
 
Riscopri le origini su Calabresi nel mondo

Gerace secondo WiKipedia

Sei in Tropea .biz > Itinerari in Calabria > Gerace
 

Fatto da: ToreJeo © 2001 - 2013   Via Provinciale x Tropea, snc - 89865 Capo Vaticano di Ricadi (VV) - P.IVA: 02378980797

Home - Escursioni in Calabria - Vacanze Mare Italia - Eventi - Foto e Webcam - Mappe e Cartina